domenica 11 marzo 2018

Manipolazione climatica! Realtà o fake news?





Riporto una notizia pubblicata su “La Repubblica” in cui si parla apertamente di geoingegneria, di distruzione e inseminazione delle nuvole, di non far piovere, di dissolvere la nebbia negli aeroporti, di indebolire gli uragani. In poche parole, dell'uomo che controlla il meteo. 
  

DALLA NOSTRA CORRISPONDENTE

MOSCA.

Domani la Russia celebra la Giornata dell’Unità nazionale. Una di quelle festività annuali per cui si prevedono parate, fuochi d’artificio e concerti. A Mosca si fa anche di più: dopo settimane di
pioggia e leggere nevicate, le autorità promettono un cielo senza nuvole. Il “miracolo del cielo blu” si ripeterà anche il 7 novembre, quando un corteo ricorderà la marcia delle truppe sovietiche per andare a combattere i tedeschi nel 1941. Alla periferia della capitale, dieci aerei, tra cui Jakovlev Jak-42s e Antonov An-12s e An-26s, sono pronti a levarsi in volo e a bombardare con una miscela di ioduro d’argento, ghiaccio secco o cemento ogni nube che minacci le celebrazioni. Obiettivo: svuotarle prima che raggiungano il centro di Mosca e garantire che “non piova sulla parata”. Costo: quasi tre milioni di euro.

L’aerea “danza della non pioggia” che a ogni festività russa scongiura acquazzoni sulla Piazza Rossa non è stregoneria né fantascienza. L’inseminazione delle nuvole, o cloud seeding, è una tecnica di geoingegneria diffusa da tempo anche fuori dai confini della Federazione. I primi tentativi risalgono al 1946 quando Vincent Schaefer, chimico statunitense, provò a usare il ghiaccio secco per far piovere. Fu un suo collega, Bernard Vonnegut, fratello dello scrittore Kurt, a elaborare la miscela con ioduro d’argento.

Da allora vari Paesi hanno fatto ricorso alla tecnica per salvare i raccolti, dissipare la nebbia negli aeroporti, evitare che grandinate danneggino i vigneti, indebolire gli uragani o garantire la stagione sciistica. Nell’Urss gli scienziati l’hanno usata persino per affogare un’invasione di locuste. L’obiettivo è sempre stato lo stesso: far piovere o persino nevicare. È negli Anni Novanta che in Russia si è iniziato a mirare all’esatto opposto: dissipare le nuvole.

Quando nel 1995 la capitale si apprestava a celebrare il cinquantesimo anniversario della vittoria sui nazisti, con Bill Clinton come ospite d’onore, l’allora sindaco Jurij Luzhkov chiese ai meteorologi: «Possiamo evitare che piova?». «Proviamo», fu la risposta. E per la parata ci fu un cielo blu. Da allora Luzhkov, non solo ingaggiò gli “sterminatori di nuvole” a ogni festività, ma nel 2009 arrivò persino a proporre inverni senza neve sul centro città. A sua detta, gli aerei spara-nuvole sarebbero costati meno che gli spazzaneve e anche il traffico ne avrebbe giovato. Gli abitanti delle periferie che avrebbero subito il contraccolpo di nevicate extra sulle loro teste però mugugnarono. E gli ambientalisti lanciarono l’allarme: la neve non solo pulisce l’atmosfera, ma protegge le radici degli alberi durante le gelate. Il progetto fu archiviato.

Il cloud seeding non è la sola tecnica di geoingegneria con cui gli scienziati giocano a essere Dio controllando il meteo. Per mitigare l’effetto serra, c’è chi propone di produrre nuvole bianche riflettenti o lanciare nello spazio sottilissimi dischi per schermare o deviare la luce solare. Né la Russia è la sola a voler inseminare le nuvole per scongiurare la pioggia. A Pechino, ad esempio, le nuvole furono cacciate via in occasione delle Olimpiadi 2008.

A volte, però, a dispetto degli sforzi, la natura vince. Quest’anno il Giorno della Vittoria, gli aerei sono riusciti a evitare la neve, ma non le nuvole. E, almeno una volta, ad avere avuto la meglio è stata la gravità: nel 2008, invece di polverizzarsi e dissipare le nubi in occasione del Giorno della Russia, il 12 giugno, un ammasso di cemento piombò sul tetto di un’abitazione. Un portento sì, ma non quello sperato. Chi ha comunque fede incrollabile nella scienza e vuole ripetere il miracolo del cielo blu nel giorno del proprio matrimonio, ora può rivolgersi a numerose compagnie private. Il conto però, quello sì, potrebbe essere un po’ nebuloso.

Pronti 10 velivoli: devono evitare che la pioggia rovini le celebrazioni dei prossimi giorni Fanno scaricare le nubi prima che arrivino sulla Piazza Rossa Ma le periferie protestano

Nessun commento:

Posta un commento