Scarichi conciari: scatta la verifica della rete Asi




Lunedì 25 settembre presso la sede municipale di Solofra si è tenuta una riunione tra il Distretto Calore Irpino, la società Cogei che gestisce l'impianto di depurazione, il Codiso, il Comune e la Regione.

Tra le decisioni prodotte, una "task force" composta dal Distretto Calore Irpino e dai gestori dell'area solofrana, si occuperà del monitoraggio della
rete industriale dell'Asi. A far parte dei "verificatori" anche il gestore dell'impianto di depurazione (Cogei), il Codiso e il Comune di Solofra.

Oggetto della verifica saranno le reti del sistema fognario e gli scarichi anomali che arrivano all'impianto di depurazione di Mercato San Severino. Si vuole assicurare che i reflui in uscita rispettino determinati parametri.
Controlli simili saranno estesi anche nei territori a valle, da Montoro a Mercato San Severino coinvolgendo gestori e Comuni dell'Ato 3.

Si è discusso anche delle problematiche del depuratore di Solofra a partire dagli interventi di adeguamento di cui abbisogna. Ricordiamo che l'impianto è della Regione Campania ma è gestito dalla Cogei; l'impianto è stato sottoposto a sequestro preventivo per una serie di criticità riguardanti il sistema di abbattimento delle esalazioni maleodoranti immesse in atmosfera e l'assenza dell'Autorizzazione Unica Ambientale.

L’impianto necessita di interventi urgenti a partire dalla copertura delle vasche per ridurre al minimo le esalazioni insalubri. Il sistema di abbattimento delle esalazioni e l'installazione di un sistema di trattamento ai carboni attivi sul pozzo interno all'impianto sono gli altri due interventi urgenti da realizzare.


Commenti