La deputata Paris (PD) in visita dal Sindaco Bianchino (PD). Paris chi?




Apprendiamo dalla pagina dell'Amministrazione comunale di Montoro della visita presso il Palazzo dell'Annunziata della parlamentare irpina Valentina Paris (PD). "Paris chi?" qualcuno potrebbe obiettare, e in effetti anche nel PD è semisconosciuta.

"L'occasione - si legge nella nota - è stata propizia al primo cittadino per sottolineare la necessità di uno sforzo da parte di tutte le istituzioni per contrastare l'inquinamento della Solofrana, rimarcando nel contempo l'urgente esigenza di un potenziamento delle Forze dell'ordine, con rinforzi per i presidi esistenti e la previsione di un commissariato."

Insomma, il solito "nulla" condito con un po di propaganda piddina.


L’irpina Valentina Paris, nominata nel 2014 come responsabile degli Enti Locali, da ottobre 2016 si occupa di Attività Produttive. Al suo posto è stato scelto Matteo Ricci, sindaco di Pesaro e vicepresidente della Associazione nazionale comuni italiani (fonte).
Questa è la sua attività all'interno della segreteria nazionale di Matteo Renzi.
Quella parlamentare è ancora più impercettibile!



Il suo indice di produttività (61,7) è tra i più bassi del Parlamento: nella classifica di OpenParlamento è solo 574° su 630 deputati.
La deputata irpina del PD non brilla nemmeno per le presenze in aula! Ha partecipato solo al 54% delle votazioni, al di sotto del valore medio di 66%. 


Confrontiamo ora i suoi dati con quelli del parlamentare irpino più produttivo: Carlo Sibilia (M5S).

Il deputato pentastellato risulta essere, secondo le classifiche redatte annualmente dall’Osservatorio indipendente sulla trasparenza della politica italiana OpenPolis, il parlamentare irpino più produttivo (fonte).

Podio che Sibilia ha conquistato per ben tre anni consecutivi, un dato significativo visto che attraverso elementi quantitativi e, soprattutto, qualitativi, OpenPolis ha valutato l’azione di deputati e senatori per rilevarne l’efficacia e l’efficienza, analizzando gli atti parlamentari dall’inizio della XVII legislatura ed offrendo una sintesi della loro attività istituzionale.

Il suo indice di produttività è 249,6 (quattro volte quello della deputata Paris). Si classifica 150° su 630 deputati. Presenze in aula oltre il 73%.
Questo è il quadro sintetico della sua attività per il territorio:


Non c'è paragone. Ma oltre ai freddi numeri della matematica, un'altra differenza sostanziale è rappresentata dalla restituzione delle indennità.
I parlamentari del Movimento 5 Stelle restituiscono metà dello stipendio allo Stato e i rimborsi non rendicontati, versando il tutto al "fondo di garanzia" per il microcredito alle piccole e medie imprese, gestito dal Ministero dello Sviluppo economico.
Da marzo 2013, il deputato irpino ha restituito 138 mila euro.





Se gli amministratori locali tengono realmente al loro territorio, dovrebbero iniziare a guardare altrove iniziando a rivolgersi alle persone giuste. 




Commenti